Apri il menu principale
IV

solo è cultore delle arti belle e delle lettere, domestico patrimonio della sua famiglia, ma soprantendente di molti luoghi di beneficenza della capitale ne introduce il gusto fra la classe numerosa, che nata alla infelicità ed alla ignoranza, Ella con le sue cure sospinge a quella sorte a cui la sapienza e la pietà del nostro Augusto Sovrano la solleva. Testimonio n’è la tipografia che, diretta nel reale Albergo de’ poveri da mio padre Vincenzo Cioffi, rende utili tante braccia di reclusi, e mercè la protezione dell’E. V. già gareggia con le altre tipografie della capitale. Educato da mio padre in questa nobil arte, tra’ primi saggi della mia tipografia do al pubblico le rime del Zappi; ma assai più corrette e di più compiuta collezione fra quante corrono ora per le mani degli amatori delle Muse. A niuno potrei questa mia edizione offrir meglio che a Lei. La prego a gradirla e proteggerla. La mia gratitudine ne sarà pari al mio profondo rispetto.


Di V. E


Devotis, Obblig. ed Osseq. servo
Giuseppe Cioffi