Apri il menu principale
376

     Tra gelo ardente, e tra gelata face?
5S’io miro al Ben, che sì m’alletta, e piace,
     Dico: chi di me più felice è in terra?
     Ma il geloso tormento, che mi atterra,
     Ogni mia gioia poi turba, e disface.
Così muovon talor fiera tempesta
     10Contrari venti, e ’l misero Nocchiero
     S’aggira indarno in quella parte, e in questa.
Lassa! e ben calco io pur dubbio sentiero;
     E la speme or s’affretta, ed or s’arresta,
     E mi attrista egualmente e il Falso, e il Vero.


II


Ben son lungi da te, vago mio Nume,
     Qual per mancanza di vitale umore
     Arida pianta, qual senza vigore,
     Palustre augel con basse e tarde piume
5Ben son lungi da te qual senza lume.
     Notte piena di tenebre, e di orrore:
     Ben son lungi da te qual secco fiore,
     Cui soverchio calor’ arda e consume,
In te, mia vita, han posa i miei desiri:
     10Or se da te tant’aria mi diparte,
     Qual pace troveran gli aspri martiri?
Ahi dunque è ben ragion, che in mille carte
     Sfoghi sue angosce in lagrime, e sospiri
     Quest’alma, che sì strugge a parte a parte.


III


Sfoga pur contra me, Cielo adirato,
     Quanto più sai, tuo crudo aspro furore,
     Che indarno tenti di fierezza armato
     Spegner favilla al mio cocente ardore.
5Puoi ben tormi, ch’io possa in sull’amato
     Volto nutrir quest’affannato cuore,
     Ma sveller non puoi già dal manco lato
     Il dolce stral, con cui ferimmi Anore.
Siami pur sorte rea ognor più infesta,
     10Viva pur l’alma in pianto cd in cordoglio,