Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/321


273

Leva le reti, o Restagnon; ritira
     Il gregge a gli stallaggi; or sai che quando
     Manda suoi segni, vicina è l’ira.


II


Quel Capro maledetto ha preso in uso
     Gir tra le viti, e sempre in lor s’impaccia;
     Deh, per farlo scordar di simil traccia
     Dagli d’un sasso tra le corna e ’l muso,
5Se Bacco il guata, ei scenderà ben giuso
     Da quel suo carro, a cui le Tigri allaccia:
     Più feroce lo sdegno oltre si caccia,
     Quand’è con quel suo vin misto, e confuso.
Fa discacciarlo, Elpin; fa che non stenda
     10Maligno il dente, e più non roda in vetta
     L’uve nascenti, e il loro Nume offenda.
Di lui so ben, che un dì l’altar l’aspetta:
     Ma Bacco è da temer, chè ancor non prenda
     Del Capro insieme e del Pastor vendetta.


II


Dianzi io piantai un ramuscel d’Alloro,
     E insiemeio porsi al Ciel preghiera umìle,
     Che sì crescesse l’arbore gentile,
     Che poi fosse ai Cantor fregio e decoro,
5E Zeffiro pregai, che l’ali d’oro
     Stendesse su i bei rami a mezzo Aprile;
     E che Borea crudel stretto in servile
     Catena, imperio non avesse in loro.
Io so, che questa pianta a Febo amica
     10Tardi, ah ben tardi, ella s’innalza al segno
     D’ogni altra, che qui stassi in piaggia aprica.
Ma il suo lungo tardar non prendo a sdegno,
     Però che tardi ancora, e a gran fatica
     Sorge tra noi chi di corona è degno.


IV


Per più d’un angue al fero teschio attorto
     Veggio, ch’atro veleno intorno spiri,
     Mostro crudel, che il livid’occhio e torto