Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/230

182

     E ch’altro duol più saggio il cor mi passe,
     Chiedendo a te del primo duol perdono.
Ch’io so ben, ch’a mio prò di lei son privo,
     10Perch’io la segua, e miri a fronte a fronte
     Quanto è il suo Bello in te più bello e vivo.
Più allor mie voglie a ben amar fian pronte:
     Chè se in quella t’amai qual forte in rivo,
     Amerò quella in te qual rivo in fonte.


XXIII1


Nate e cresciute sotto fier Pianeta
     Son le pecore mie pur magre e smunte!
     Rio quei non è, che scorra, erba, che spunte
     Per loro, e ’l Ciel se ’l vede, e pur nol vieta.
5Ed or, che i campi estivo raggio asseta,
     Arse, e languenti, e dal digiun consunte
     Paion dir: ove ohimè, dove siam giunte!
     Morte, o ristoro al nostro duol sia meta.
Io gli occhi abbasso per dolor, nè loco
     10Mutar mi lice, ch’è destin, ch’io deggia
     Esser qui esempio di Fortuna, e giuoco.
E vò, che l’empia si satolli, e veggia
     Pur una volta (e lo vedrà tra poco)
     Tutta perir col suo Pastor la Greggia.


XXIV


Giunto quel Grande, ove l’altrui gran torto,
     E ’l suo duolo il guidò ramingo e vago,
     Spettacolo infelice, aspro conforto
     Cartago a Mario fù, Mario a Cartago;
5A lui quella dicea: Chi qua ti ha scorto
     Ne’ miei scempi a mirar de’ Tuoi l’immago?
     Ed egli a lei: Ne’ tuoi naufragi il porto
     Trovo a’ propri naufragi, e in te m’appago:
Così un dì nel mio volto al dolor mio
     10Mostrai ’l suo volto, ed egli in se i mie’guai
     Coll’energia d’un guardò a me scoprio.

  1. Per la Ragunanza degl’Arcadi.