Apri il menu principale
76

Perchè il tuo soccorso omai si scopra,
     10Tu i Re discordi in sagra guerra aduna,
     Pronti già per tua gloria alla grand’opra
Nè chiedo io già con supplica importuna
     La tua possente man, ma solo adopra
     Quel piede avvezzo a calpestar la Luna.


FRANCESCO BRUNAMONTI


I


Fermare a i fiumi il corso, a i venti il moto,
     Trar gli alti monti, e l’alte selve seco,
     Far, che i tigri, e cignai non guardin bieco,
     E ch’ogni serpe di venen sia vuoto;
5Fin là, ve l’uman stame attorce Cloto,
     Gir, e far guerra, o Re di stige, teco,
     E trar millalme dal tuo bujo speco
     Fin sul Ciel, che pur troppo a te fu noto;
E dar lassuso a quelle eterne menti
     10Con prodigi non mai visti finora
     Nuovi di maraviglia ampi argomenti;
Opre sono di lui, che qui s’adora:
     Il sa l’Egitto, il san tutte le genti
     Nate, e ’l sapranno le non nate ancora.


II


Astrea, dice talun, stava fra nui
     Quando il vecchio Saturno ci reggea,
     E per li boschi in pace si vivea,
     Senza dir: questo è mio, quello è d’altrui
5Ma poi, ch’il vizio uscì dagli antri sui,
     E quella buona gente si fè rea,
     Partissi, e nel partir pur si volgea
     Dicendo: non vo più tornar fra vui.
Io no ’l dico però, che già la veggio
     10Più, che mai lieta circondar d’allora
     Due belle fronti al picciol Reno in riva;