Apri il menu principale
58



MARCH. CORNELIO BENTIVOGLIO.


I


Ecco Amore: ecco Amor. Sia vostro incarco;
     Occhi, chiudere il passo al Nume audace,
     Che a turbarmi del sen la cara pace
     Sen vien di sdegni e di saette carco.
5Ecco Amore: ecco Amor. Vedete l’arco,
     Che mai non erra e la sanguina face:
     Già la scuote la vibra e già mi sface:
     Occhi... Ah voi non chiudeste a tempo il varco.
Ei già mi porta al sen crudele affanno,
     10E dell’error ch’è vostro, o lumi, intanto
     Il tormentato cor risente il danno.
Ma d’irne impuni non avrete il vanto;
     Poichè, in questo sol giusto, Amor tiranno
     Se il core al fuoco, e voi condanna al pianto.


II


L’anima bella, che dal vero Eliso
     Al par dell’alba a visitarmi scende,
     Di così intensa luce adorna splende,
     Che appena io riconosco il primo viso.
5Pur con l’usato e placido sorriso
     Prima m’affida, indi per man mi prende,
     E parla al cor cui dolcemente accende
     Dell’immensa beltà del Paradiso,
In lei parte ne veggo; e già lo stesso
     10Io più non sono, e già parmi aver l’ale:
     E già le spiego per volarle appresso.
Ma sì ratta s’invola e al Ciel risale,
     Ch’io mi rimango, e dal mio peso oppresso
     Torno a piombar nel carcere mortale.