Apri il menu principale
30 annie vivanti


— Non torna?

— Sì, sì. Tornerà. Mi adora.

Secondo lei, tutti la adoravano. E poteva anche essere vero. Ma lei continuava a detestare molta gente e molte cose.

— Detesto le donne, — disse un giorno, allorchè, giungendo inattesa nello studio, lo aveva trovato invaso da una deputazione di signore del Comitato di Coltura femminile. E all’Esposizione della Promotrice, avendole Alberto presentato due dei suoi amici (di cui uno le fece la corte e l’altro no) ella si mostrò assai risentita.

— Non mi presentate mai i vostri amici — esclamò. — Detesto gli uomini.

Egli allora, per distrarla e placarla, e anche perchè cominciava ad interessarsi a quel viso strano che cambiava di linea, di espressione e di colore ogni momento, la pregò di posare per un ritratto.

— No! no! Detesto i ritratti! — disse lei. — E detesto i ritrattisti! Detesto tutto.

Egli non insistette.

Ma l’imagine di lei, il ricordo delle sue frasi e dei suoi atteggiamenti, il bisogno di vederla ogni giorno, crebbe e lo ossessionò.