Apri il menu principale

Pagina:Vivanti - I divoratori, Firenze, Bemporad, 1922.djvu/410

398 annie vivanti


Ella imparò a scordare. Scordò di essere stata giovane; scordò di essere stata poeta. Scordò di aver saputo un giorno la storia del Giardino azzurro:

La belle qui veut
La belle qui n’ose
Cueillir les roses
Du jardin bleu.

Il Giardino azzurro della gioventù chiuse pianamente le sue porte dietro di lei; e i fiori che Nancy non vi aveva colti, ora per lei non fiorirebbero più.

Ma per Anne-Marie, quando il tempo fu venuto, si spalancarono i dorati cancelli.

Allora il folle Pifferaro della Gloria la chiamò invano.

Anne-Marie aveva udito un’altra voce — la voce lontana del richiamo d’Amore. Frale e formidabile quell’appello le scuoteva il cuore.

Il Pifferaro gridava: «Vieni! che fai? Vieni! è per di qua la Fama; sei alla porta dell’Immortalità!»

Anne-Marie esitò... ristette. Poi si volse e seguì la voce novella.

E l’Amore le tolse di mano il violino. L’Amore le cinse di tenui fiori d’arancio la candida fronte, sulla quale già, grave e maestosa, la Gloria protendeva l’ombra del serto d’alloro.

XXX.

Per il giorno delle nozze, Giugno — quell’elementare pittore! — aveva spennellato il mondo di striscie azzurre, di chiazze verdi, di sprazzi d'oro