Apri il menu principale

Pagina:Vivanti - I divoratori, Firenze, Bemporad, 1922.djvu/35


i divoratori 23


Infine, un giorno che sua madre le disegnava degli omettini neri molto simpatici, e che questi d’un tratto si rivelarono essere non altro che delle aborrite semiminime, Nancy, cieca dall’ira, si cacciò la mano nei capelli e se ne strappò una ciocca. Valeria gettò un grido; prese ed aprì il piccolo pugno della sua bambina e vi vide il morbido arruffìo di capelli strappati.

— Oh! béby, béby! Che cosa orribile! — gridò. — Come puoi affliggere così la tua povera mamma?

Ma con ciò ebbe termine l’educazione musicale. Ogni volta che una nota ergeva il tondo capo nero sull’orizzonte di Nancy, ella alzava rapida la mano e si strappava una ciocca di capelli. Poi apriva il pugno e lo mostrava a tutti. Il pianoforte fu chiuso; i libri sull’Armonia, la Teoria e il Contrappunto furono messi via.

Non più la sera al suo lettino la Fräulein le cantava del Beethoven travestito da ninna-nanna. Ma bensì i suoi due vecchi amici, «Bel Popò» e «Menton Fleuri» tornarono al suo capezzale; e l’accompagnarono come di consueto alla buia e lontana Isola del Sonno. Con loro ella s’imbarcava, meno timida, sulla grande nave dei sogni che ogni sera con vele stellate l’aspettava, galleggiante sull’oscurità.

«Bel popò, fa la nanna, fa la nanna, bel popò...

...Menton fleuri, menton fleuri, kikiriki, kikiriki!»

Fräulein Müller sedeva nel parco, leggendo. Nancy con una bambola in braccio, sedeva sull’erba ai suoi piedi; e la osservava, divertendosi a veder ballare sul cappello di Fräulein Müller due piume nere che oscillavano come su