Apri il menu principale

Pagina:Vita di Jacopo Durandi.djvu/4


VITA


Spargere alcuni fiori sulla tomba d’uno tra i più distinti Italiani, è per noi di sollievo in questi primi giorni1 d’amarezza, in cui deploriamo la perdita del nostro Vercellese, del sincero amico, lo illustre Jacopo Durandi cavaliere dell’ordine reale de’ SS. Maurizio, e Lazzaro, consigliere del detto ordine, presidente nella regia Camera de’ Conti, e membro di varie Accademie. Le sue opere drammatiche, in cui giovinotto si rese l’emulo del mellifluo Metastasio, lo fecero già conoscere per ottimo poeta in tutte le principali città d’Europa, e le di lui ricerche


  1. Questa vita, che venne scritta subito, sarà data alla luce nel giorno quarantesimo dopo l’infausta morte accaduta.