Pagina:Verginia.djvu/97


47



D’un Carciopho.


TU dai foco a chi arde in pena & lutto,
A te conviensi el don che m’hai mandato
     Perche dal caldo suo immoderato
     El ghiaccio del tuo cor sarà destrutto.
Tu dai speme, & quello è verde tutto,
     Quel è di speme & tu d’offese armato;
     Tu tien fra mille inganni el ver celato,
     Et quel fra mille frondi asconde el frutto.
Tu dai fra tanti stratij un favor raro,
     Et quel fra tante in qualche foglia al fine,
     Ha sapor breve, el resto è tutto amaro.
Tu cresci fra sospir, quel fra ruine,
     Et però dammi un presente più charo,
     Se salvar vuoi le mie membra meschine:


D’uno Romito.


NOn voto, fede, nuoua devotione
Constretto m’ha questo habito vestire,
     Ma la tua crudelta, tuo sdegni, & ire
     Condotto m’hanno a tal disperatione:
Poi che mai mossa t’ha mia passione
     E miei pianti, e miei preghi, & mio servire,
     Et mille volte è peggio che morire
     El sentirsi stracciar senza cagione.
Magra è per ch’ama, & non perche digiuna
     La faccia, & questa barba che la serra
     Chiede di te vendetta alla fortuna
Gliocchi tengo ogn’hor bassi, & fissi in tera
     Accio che amor mai piu con donna alcuna
     Possi a mio miser cor far nuova guerra: