Pagina:Verginia.djvu/94




Lucretia.


PHebo tra corso d’Ariete in tauro
Vedendo lamentar Lucretia pura,
     Disse questo è thesor de la natura,
     Di me più bella, & del mio verde lauro;
Non speri piu mia luce, o l’Indo o ’l Mauro,
     Resti del mondo ogn’altra parte oscura,
     Perche quanto a costei la vita dura
     Tanto terro qui fermo el carro d’auro:
Onde a Giove li Dij, sel sol sospinto
     Da donna, pone al mondo ombroso velo,
     Fulmina presto la vittrice, o 'l vinto:
Rispose, io ho perduto ogni mio telo,
     Perch’ancho io son da sue cathene cinto,
     Tanto ch’io temo abbandonare el cielo:


A Giulia d’una collana da lei donata.


EL nobil l’auro con la regia fronde
Strider nel foco, & mormorar si sente,
     Et così vinte dalla fiamma ardente
     Bollire, & mormorar si senton l’onde;
Però se ne l’ardor che mi confonde
     Chiamo te Giulia fallace inclemente,
     Non t’ammirar, che vil verme impotente
     Al pie ch’el calca col morso risponde:
Per te se nasce, o se s’asconde Apollo,
     Qual servo scritto, o cathenato Mauro
     Di lagrime, & sudor el volto in mollo.
Nessun’ama e suoi lacci, benche d’auro.
     Non mi por Giulia el crudo giogo al collo
     Et s’el ciel m’ha fatto huom, non mi far Tauro: