Apri il menu principale

Pagina:Verga - Eva, Treves, 1873.djvu/99


— 99 —

lezza, sotto la fine batista, come una statua greca, e mi si buttò al collo, coprendomi di lagrime e di baci.

— Sì, tu mi ami! tu mi ami! singhiozzò, ed io pure ti amo come una pazza!

Poscia, tenendosi allacciata a me come l’edera, nascondendo il suo capo nel mio seno, e parlandomi sottovoce, come vergognosa per quello che doveva dirmi:

— Non credi che ti amo?

— Sì!

— Temi che io possa ingannarti per un altro?

— Oh, no!

E chinando maggiormente la testa, e abbassando dippiù la voce, e abbracciandomi più strettamente:

— Perchè quella domanda adunque?

— Perchè ti amo! Perchè son geloso... in un altro modo.

— ... Come?

— Oh!... non lo so!... non te lo dirò mai!

Tuttavia sembrò aver compreso, poichè allentò le braccia, non disse motto, e ricadde sul guanciale, nascondendovi il viso.