Apri il menu principale

Pagina:Verga - Eva, Treves, 1873.djvu/95


— 95 —


— Se tu non mi amassi così io farei una cosa semplicissima, mi ucciderei.

— Ah! no! esclamò dessa con quel suo riso da bambina, tenendosi appesa al mio collo colle mani intrecciate, e dondolandosi sulle mie ginocchia. Non voglio che tu ti uccida perchè sei il mio amore, il mio amore bello! — e nella voce aveva la dolce cantilena con cui si cullano i bimbi.



Alcune sere quelle visite ai prolungavano molto innanzi nella notte. Era un giuoco di scherma fra quei signori a chi dovesse rimaner padrone del campo. Una volta Eva entrò improvvisamente e come se fuggisse; era rossa in viso, e avea le narici dilatate; chiuse l’uscio a chiave, si gettò su di me con passione, e nascose il mio viso nel suo seno, baciandomi sui capelli, come per impedirmi di udire, o per nascondermi qualche cosa.