Apri il menu principale

Pagina:Verga - Eva, Treves, 1873.djvu/83


— 83 —




Delle volte voleva che le suonassi al pianoforte la musica dei suoi balli, ed ella m’appariva improvvisamente dinanzi nel suo leggiadro costume, e spiegava attorno a me tutte le seduzioni — per me! per me solo! — il sorriso inebbriante, gli sguardi pieni di promesse, i capelli disciolti, il seno palpitante — e tutte le volte finiva saltandomi sulle ginocchia, e annegandomi in un’onda di velo.

— Come ti amo! mi diceva. Come ti amo!



Un giorno mi disse, quasi paurosa:

— Come farò a non amarti più?