Apri il menu principale

Pagina:Verga - Eva, Treves, 1873.djvu/79


— 79 —


Ella aveva i capelli disciolti, e me ne sferzava il viso con certi movimenti felini. — Ebbene, mi disse, se hai la febbre vai a casa.

— No, starò a vederti dormire!

— Eh?!

— Starò a guardare le tue finestre, e ti vedrò dormire.

Ella sorrise in modo inesprimibile, e mi avventò un bacio come un morso.

— Birbone!

Scostò colle sue mani i capelli della mia fronte; mi guardò con certi lampi abbaglianti negli occhi — mi guardò a lungo così, tenendomi la fronte fra le mani — e poscia, come rispondendo a sè stessa:

— Vattene! mi disse, vattene! e non mi lasciava, e sporgeva verso le mie le sue labbra sitibonde, e chiudeva gli occhi.

Mi richiamò di nuovo, quand’ero sulla soglia dell’uscio. — Dammi qualche cosa di tuo, mi disse: dammi il tuo fazzoletto.

E poscia un’altra volta:

— Aspetta! voglio che anche tu pensi a me.