Apri il menu principale

Pagina:Verga - Eva, Treves, 1873.djvu/78


— 78 —


Saltò dalle mie ginocchia come un uccello, corse all’uscio, e girò la chiave.

— Buona notte, signori! disse, e volgendosi verso di me, con uno scroscio di riso infantile: — Se ci vedessero!

Si udì uno scoppio di voci e di recriminazioni al di là dell’uscio.

— Ho sonno! ripetè Eva. Buona notte!

— Che imbecilli! soggiunse quindi, si credono in diritto di annojarmi anche quando sono felice!

Stette ad ascoltare, e ripigliò dopo alcuni istanti:

— Se ne vanno; finalmente! Verrai domani, non è vero?

— Sì.

— Alla stessa ora. Mi aspetterai in teatro?

— Sì.

— Anzi fai così: m’aspetterai in fiacre, in piazza Santa Maria Nuova. Verrò a trovarti io stessa. Prendi il fiacre numero nove; mi piace il numero nove; è la data del giorno in cui mi hai conosciuta. Ora che farai?

— Come vuoi ch’io te lo dica se non lo so... se non ho più testa, se ho la febbre!...