Apri il menu principale

Pagina:Verga - Eva, Treves, 1873.djvu/61


— 61 —


— Proprio nulla!

— Vi dispiace che vi abbia detto queste cose?

— Oh, no!

— Perchè fra le visite che mi piaccion c’è la vostra. È vero che non me ne avete fatte, ma me ne farete.

— Oh, no.

— Come no? Perchè?

Ella aspettò lungamente la mia risposta, e riprese con la voce dolce ed il fare insinuante di un bambino che teme di aver torto:

— Ma se chiudo la porta in faccia a tutti quei signori sarò fischiata... E allora a voi pel primo non sembrerò più così bella...

C’era tanta sincerità, tale accento di verità, nella sua voce, che non seppi che cosa rispondere a quella osservazione, di cui la cruda verità mi spezzava il cuore. Anche lei s’era fatta pensosa, e teneva il capo chino fra le mani.

La carrozza si fermò; ella s’affacciò allo sportello, e mormorò: — Diggià!

— Volete tirare il campanello del primo piano? mi disse.