Apri il menu principale

Pagina:Verga - Eva, Treves, 1873.djvu/182


— 182 —


— Mamma! disse Enrico, e la sua voce fioca vibrava come una carezza in quella dolce parola. Ecco un mio amico. Tu gli vuoi bene, non è vero?

La povera donna mi stese la mano, ed io la baciai religiosamente.

— Dove sono gli altri? domandò Enrico con la curiosità inquieta, particolare al suo stato.

— Tuo padre è andato ad accompagnare il medico, e l’Agatina è andata a coglierti una manata di gelsomini che ti piacciono tanto.

— Il medico!... mormorò il moribondo con accento che stringeva il cuore.

Nessuno di noi ebbe il coraggio di rispondere.

— Ti ho disturbato forse? mi domandò dopo alcuni istanti.

— Oh no!

— Avevo bisogno di vederti... e di parlarti.

Mi affissò col suo sguardo espressivo e lucidissimo, e soggiunse:

— Noi non fummo mai intimi; ma ci siamo incontrati in una tal'epoca della mia vita che mi pare di non avere altri amici che te. Eppoi — e sorrise dolorosamente — ho diritto alla tua in-