Apri il menu principale

Pagina:Verga - Eva, Treves, 1873.djvu/170


— 170 —

da prendere, e istintivamente volse attorno uno sguardo furtivo e lo fermò su di Eva. Ella era pallidissima, avea le labbra livide e l’occhio smarrito, come se stesse per svenire. Tutti quegli sguardi che si fissavano sul conte sembrarono raddoppiare il suo sangue freddo: egli esitò un solo momento; poi alzò il bicchiere ricolmo all’altezza del naso di Enrico ed esclamò:

— Alla salute dei tuoi amori passati dunque!

E vuotò il bicchiere in un fiato. Ci fu uno scoppio di applausi.

— Bravo! disse anche Enrico. Sei un uomo di spirito!

— Grazie!

— Io lo sapevo, e perciò ho fatto una scommessa.

— Davvero?

— Sì: ho scommesso che avrei dato un bacio alla tua amante, e che tu non te l’avresti avuto a male.

— Eh! caro mio! Scommessa arrischiata! disse il conte che incominciava a farsi pallido.

— Oibò! Sei un nomo ammodo! Guarda!...