Apri il menu principale

Pagina:Verga - Eva, Treves, 1873.djvu/168


— 168 —


— Sì! in fede mia, sì! quando ti vedo mi diverto.

— Mi riconosci!

— Diavolo! Chi non ti conosce!

— Bevi alla mia salute dunque, gli disse porgendogli il bicchiere spumeggiante.

— In coscienza, non posso; chè tu stai molto male!

— Ah! ah! una delle solite facezie! sghignazzò il conte rivolto ad Eva. Adesso ci dirà i nostri segreti!

Io guardai Eva, e la vidi pallida come cera.

— Oh! oh! rispose Enrico ridendo come avrebbe potuto ridere uno spettro se gli spettri potessero ridere; il segreto di pulcinella!

Il conte sembrò imbarazzato per un istante; ma non era uomo da darsi vinto alla prima, e replicò:

— Sapevo la tua risposta; è vecchia come il tuo travestimento.

— Da arlecchino d’onore, no! Anzi, per provarti che non sono un ciarlatano ti dirò quelli di lei — e accennò a Eva — non i segreti del suo