Apri il menu principale

Pagina:Verga - Eva, Treves, 1873.djvu/127


— 127 —

ma la carriera fatta, il palcoscenico, il pubblico, i giornali teatrali, i cartelloni degli spettacoli, gli agenti, gli impresari. Bisogna vivere in quel mondo per appartenervi. Io ne sono uscita, e nessuno più mi conosce. Per rientrarvi bisognerebbe che incominciassi da capo.

Allora soltanto mi balenò dinanzi agli occhi tutta l’estensione del sacrificio che ella aveva fatto alle mie folli esigenze.

— E tu sapevi tutto questo? le dissi.

— Sì, rispose tranquillamente, e sapevo anche che doveva arrivare questo giorno.

— Ti giuro, esclamai, che ti renderò tutto quello che mi hai sacrificato, o mi ucciderò!

Ella mi guardò in modo singolare con quei suoi occhi mesti e dolci, e mi disse quasi con un soffio di voce:

— Io non me ne sono mai lagnata, e tu non mi avevi promesso di ucciderti.