Apri il menu principale

Pagina:Verga - Eva, Treves, 1873.djvu/122


— 122 —


— Perdio! dissi ad Eva aspramente — ella lavorava presso il lume. — Non vien certamente la voglia di tornare a casa!

Ella levò su me i suoi occhi sempre dolci e sereni, e non rispose.

— Con una notte come questa farmi trovare una ghiacciaja! ripresi. Vedevo che ella avea il viso livido, che tremava dal freddo sotto il suo scialle, e non pensai che in quella ghiacciaja ella avea dovuto pur starci tutto quel tempo in cui io avevo acconciato l’Europa a modo mio, seduto in un angolo ben riscaldato del Caffè.

— Non è freddo, rispose.

— Perdio, s’è freddo! si gela!

— Non c’è più legna, soggiunse timidamente.

— Non ce n’è più in Firenze?

Ella chinò la testa sul lavoro, e stette zitta.

— Non hai denari? domandai.

Era la prima volta che quella parola mi veniva sulle labbra, e malgrado fossi tanto cambiato, mi fece una singolare impressione, come se avesse suonato altrimenti dalla mia intenzione.

— No, rispose Eva dolcemente.