Apri il menu principale

Pagina:Verga - Eva, Treves, 1873.djvu/109


— 109 —


Si parlò un po’ di tutto, ora serii, ora innamorati, ora quasi giulivi. Ad un tratto, le gettai fra i piedi questa domanda, che la fece trasalire, tanto era fatta bruscamente:

— Chi t’ha regalato quel gioiello?

Ella rispose con la maggior franchezza: Il conte Silvani. — Saresti geloso di lui! soggiunse vedendo che m’ero fatto serio.

— Oh, avrei torto!

— E avresti torto davvero! esclamò dessa con tale accento dignitoso che mi umiliò.

— Oh, Eva, perdonami! esclamai quasi fuori di me. Io m’avveggo che sono ingiusto e cattivo! Faccio dispetto a me stesso!... Ma son geloso! orribilmente geloso!

Per tutta risposta ella mi diede un bacio.

— Perchè non hai rimandato quel braccialetto? le domandai dolcemente.

Ella mi guardò con tanto d’occhi spalancati, come se stentasse a capire il significato delle mie parole.

— Come rimandarlo? ma vuol dire rifiutarlo!

— Sì, rifiutarlo.