Apri il menu principale

Pagina:Verga - Eva, Treves, 1873.djvu/108


— 108 —


— Ah! esclamò come sconcertata.

Aprì e richiuse due o tre volte la busta di velluto, facendo scintillare i raggi delle gemme, e soggiunse per riprendere un certo contegno, o per disarmarmi colla franchezza:

— È un regalo per la mia beneficiata.

— Oh!

— È bello, non è vero?

Io che avevo la testa a tutt’altro, risposi:

— Bellissimo.

— E di gran valore.

— Varrà per lo meno duecento lire.

— Oh! esclamò Eva, dimenticando a quella mia ingenua scappata tutte le sue preoccupazioni in una schietta risata, ne vale almeno duemila!

Ebbene, francamente, io fui umiliato dalla mia ignoranza sul valore delle gemme.

— A che pensi? ella domandò con una certa inquietudine.

— Penso che sono ben fortunati coloro che possono offrirvi regali di duemila lire.

— Tu mi dai il tuo amore che vale assai dippiù!

Io sorrisi amaramente.