Pagina:Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III.djvu/94


Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III-0094.png


CANTO INTORNO ALL’ARA
E CANTO DALLA SCENA


coro
Strofe I
Vedete Are, a qual tramite
muova, che spira sangue ineluttabile.
Già sotto il tetto della casa avanzano
le cagne inesorabili,
persecutrici d’ogni truce crimine.
Né modo v’ha che sia
írrito il sogno della mente mia.

Antistrofe I
Muove talun con subdolo
pie’ nelle sedi antiche e vetustissime
del padre, a vendicar quelli che caddero.
Stringe un freno ch’à tempera
di sangue, il Nume Ermète: nella tenebra
tien la frode segreta;
e senza indugio lui guida alla mèta.