Pagina:Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III.djvu/86

1291-1304 ELETTRA 83

elettra
Che devo fare?
oreste
Non parlar troppo, anzi che il punto giunga.
elettra
Poi che apparso tu sei, chi mai reprimere
la parola potrebbe, e restar muto,
quando tu, senza prevederti o attenderti,
sei pur fra noi venuto?
oreste
Si, mi vedi che i Numi qui mi spinsero.
.     .     .     .     .     .     .     .     .     .     .     .     
elettra
Dici una grazia
piú grande ancor, se tu dici che a queste
case un dei Numi t’inviò: lo reputo
miracolo celeste.
oreste
La tua gioia a frenare esito, e insieme
temo che troppo tu vinta ne sia.