Pagina:Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III.djvu/57

54 SOFOCLE 898-902

elettra
Come no? Dalla patria
lungi, dalle mie mani....
corifea
Ahimè!
elettra
Chiuso nell’arme fu né — m’ebbe accanto
per seppellirlo — senza onor di pianto.


Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III-0057.png