Pagina:Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III.djvu/175

172 SOFOCLE 1042-1052

spasimi quali mai non avran termine:
deh, spettacolo orrendo!

Antistrofe II
Qual garrulo usignolo,
gemei chi non lontano era, ma prossimo.
Di stranieri a noi muove uno stuolo.
Dove lo recan mai? Qual chi paventi,
per un diletto amico, innanzi muovono
a passi lievi e lenti.
Ahi, ché mentre lo recano, ei pur tace!
Ch’egli morto sia già dovremo credere?
Oppur nel sonno giace?


Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III-0175.png