Pagina:Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III.djvu/173

170 SOFOCLE 1020-1028

giacendo abbandonato a fianco a fianco,
molto gemea che con maligna accusa
stoltamente la madre avea colpita,
piangea perché d’entrambi orfana a un tratto
la vita avea, del padre e della madre.
Questo in casa è seguito. E se alcun v’è
che sopra un giorno, su piú giorni speri,
quegli è ben folle: ché non v’ha dimani,
se prima l’oggi non trascorre fausto.

Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III-0173.png