Pagina:Tragedie di Sofocle (Romagnoli) I.djvu/87

60 SOFOCLE 733-736

Lungo tempo tutto pèrmuta;
e nulla io piú negare saprei, se Aiace vidi,
contro ogni speme, il cruccio
obliare, e il furor contro gli Atrídi.

Tragedie di Sofocle (Romagnoli) I-0087.png