Pagina:Tragedie di Sofocle (Romagnoli) I.djvu/67


Tragedie di Sofocle (Romagnoli) I-0067.png



aiace
Strofe I
Cari nocchieri, fra quanti m’amarono
soli rimasti fedeli nei termini
di lealtà, non vedete che turbine,
che sanguinëo flutto
ora m’avvolge tutto?
coro
Ahi, che purtroppo il vero dice; e chiaro
mostrano i fatti che non v’ha riparo.
aiace

Antistrofe I
Stirpi dell’arte navale sollecite,
che vanamente sedeste al remeggio,
voi sole vedo fra tutte, partecipi
ancor della mia sorte.
Or datemi aiuto alla morte.