Pagina:Tragedie di Sofocle (Romagnoli) I.djvu/61

34 SOFOCLE 271-274

noi medesimi, senza concorso
d’altrui, grave doglia c’infligge.
coro
Cessato il morbo, tornerà fortuna.
Meno del mal che lungi andò, si parla.


Tragedie di Sofocle (Romagnoli) I-0061.png