Pagina:Tragedie di Sofocle (Romagnoli) I.djvu/104


Tragedie di Sofocle (Romagnoli) I-0104.png


Si ode da lontano la voce di
teucro
Ahimè, ahimè!
coro
Taci: la voce udir penso di Teucro:
alla sciagura un tal canto s’accorda.
teucro
Dilettissimo Aiace, occhio fraterno,
morto sei tu, come la fama narra?
coro
Di vita uscí l’eroe, sappilo. Teucro.
teucro
O troppo grave mia sciagura, troppo!