Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) V.djvu/61

58 EURIPIDE

ELETTRA
È questi l’aio che allevò mio padre.
ORESTE
Che dici? Quei che pose in salvo Oreste?
ELETTRA
Vive grazie a costui, se pure è vivo.
ORESTE
Ehi lí!
Perché mi guarda? A chi gli rassomiglio?
Pare che scruti il bollo dell’argento.
ELETTRA
Forse ammira d’Oreste il coetaneo.
ORESTE
L’amico. Ma perché mi gira attorno?
ELETTRA

Ospite, anch’io lo guardo, e mi stupisco.