Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) II.djvu/84


MEDEA 81


nei pensieri si struggono. Primo,
di bene allevarli; poi, d’onde
lasceranno sostanza ai figliuoli.
Oltre a ciò, se per buoni o per tristi
si spendan le loro fatiche,
nessuno lo sa.
E un male soggiungo, l’estremo
fra tutti, per gli uomini tutti.
Trovarono agevole copia
di vita, sia pure, pervennero
le membra dei figli a fiorente
gioventú, buoni crebbero. Ma,
se tale è il destino,
la Morte, lontano, nell’Ade
i corpi dei figli trascina.
A che giova dunque, che i Superi
sopra l’altre sciagure, ai mortali
addossino questa
dei figli, acerbissima?

Tragedie di Euripide (Romagnoli) II-0129.png

Eripide - Tragedie. II - 6