Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) II.djvu/76


Tragedie di Euripide (Romagnoli) II-0076.png

coro

Strofe I
Piú non ho speme che vivano i pargoli,
non piú: ché già verso la morte muovono.
Riceverà, riceverà la misera
sposa, dono fatal, l’auree bende.
Già per cingere il funebre
ornamento alla sua bionda cesarie,
la mano ella protende.

Antistrofe I
Essa vaghezza certo avrà di cingere
gli ambrosii raggi che dai pepli fulgono
e dall’aurea corona; e già per gl’Inferi
si fa bella: in tal rete ella cadrà,
in tale fato, o misera,
esiziale: ché sfuggire all’ultima
rovina non potrà.

Strofe II
E tu, tristo sposo, di principi perfido genero,
ignaro, conduci a sterminio
la vita dei figli, ed orribile