Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) II.djvu/29


Tragedie di Euripide (Romagnoli) II-0029.png

Si avanza il coro, composto di donne corinzie.

coro

Preludio
Della misera donna di Colco
udito ho la voce, le grida,
ché ancor non si placa. Su, vecchia, tu parla:
ché un ululo dentro al palagio
udii dalla gemina porta.
Né, donna, m’allegro pei guai della casa,
che cara è per me divenuta.

nutrice

Piú non è questa casa: è finita:
ché letti di principi accolgono
Giasone; e si strugge nel talamo
la nostra signora; né v’ha
parola d’amico che possa
molcirne lo spirito.

medea

Ahimè!
Sul mio capo la fiamma celeste
piombasse! A che viver mi giova?