Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) II.djvu/244


LE FENICIE 241

ch’io muovo contro la mia patria. Ma,
per i Numi lo giuro, a mal mio grado
io muovo l’armi contro i miei congiunti
che a grado hanno il mio male. Adesso, a te
sciogliere questi mali, o madre, spetta,
comporre in pace i due figli a te cari,
me liberare dagli affanni, e te,
e tutta la città. Da tempi antichi
ricantato è quel detto, eppur lo replico:
piú d’ogni cosa pregio han le ricchezze:
esse il piú gran potere hanno fra gli uomini.
Ond’io qui giungo, e schiere innumerevoli
guido, a cercare i beni miei: ché nulla
è l’uomo poveretto, anche se nobile.

coro

Ecco, agli accordi Etèocle giunge. Or devi
tali parole dir, madre Giocasta,
che conciliare i tuoi figliuoli possano.

Tragedie di Euripide (Romagnoli) II-0244.png

Euripide - Tragedie. II - 16