Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) II.djvu/163

160 EURIPIDE



admeto

Se conosciuto il mio dolore avesse,
la mia soglia varcata ei non avrebbe.
Forse anche a lui, cosí facendo, folle
sembrerò; lode non ne avrò; ma il tetto
mio non sa né scacciar né spregiare ospiti.
Esce.

Tragedie di Euripide (Romagnoli) II-0163.png