Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) II.djvu/140


Tragedie di Euripide (Romagnoli) II-0054.png

Entra Admeto, sostenendo Alcesti moribonda, seguita dai figli che si appendono alle sue vesti. Ancelle, servi, guardie.

alcesti

Sole, luce del giorno,
ètere, limpide veloci nuvole!

admeto

Te vede il sole e me, due sventurati.
Nulla offendemmo i Numi: eppur tu muori.

alcesti

Terra, tetto dell’atrio,
nuzial talamo di Jolco mia7!

admeto

Misera, sorgi, non lasciarmi! Prega
gli Dei possenti ch’abbiano pietà.