Apri il menu principale

Pagina:Tozzi - Giovani, Treves, 1920.djvu/59

52 la casa venduta

aveva il bastone, batteva su i muri, per sentire quanto erano grossi. Prendevano in mano gli oggetti che erano sopra i miei mobili, toccavano le tende; un altro, il signor Leandro, s’affacciò a una finestra per sputare. Poi andammo negli altri appartamenti; dove erano i miei pigionali, che m’accoglievano con segni di meraviglia ostile. Ma, poi, perchè io ero anche compiacente da fingere di non ascoltare, dicevano male di me con i tre compratori, si mettevano già d’accordo per quando uno di loro sarebbe diventato padrone. Nessuno mi rispettava; mi lasciavano passare dietro a tutti, stavano a parlare quando volevano. Ed io guardavo, forse per l’ultima volta, le pareti della mia casa. Poi, non guardavo nè meno più: entravo ed escivo come se non sapessi quello che facevo e perchè mi trovavo lì.

Quando risalimmo nel mio appartamento, mi disse il terzo che di soprannome si chiamava Piombo:

— Noi abbiamo già perso troppo tempo. Ci dica lei quanto vuole, signor Torquato.

Io volevo spicciarmi, non volevo nè meno farmi consigliare da qualcuno. Avrei potuto