Apri il menu principale
278 l’ombra della giovinezza


riportato le lettere, senza che mia figlia le dovesse richiedere.

Il giovine si stupiva di quei complimenti. Ma il signor Luigi esprimeva il dispiacere e la delusione a quel modo; e desiderava di restare solo con la famiglia, perchè egli si vergognava d’avere le scarpe vecchie e il vestito sparso di patacche a forza di portarlo. Si rimandava in dentro i polsini della camicia, con i gemelli d’oro falso, che invece volevano stare di fuori; e lì in quel corridoio troppo stretto non ci stava volentieri. Livio gli disse:

— Non è stato possibile fare altrimenti. Ma ormai, ci siamo intesi; ed è bene che non nascano più equivoci.

— Dice giusto! Dice giusto!

— Io me ne vado subito, perchè alla fattoria c’è molto da fare.

— Ah mi dispiacerebbe trattenerla qui più di quanto vuole starci lei!

Anita aprì l’usciolo, ed egli escì. Scese le scale più lesto di come le aveva salite; andò alla stalla, fece riattaccare il cavallo e tornò, senza fermarsi, alla fattoria. Era contento d’essersela sbrigata a quel modo; ed ora si trattava