Apri il menu principale
200 mia madre


so tempo egli mi dette un calcio fortissimo. Renderglielo non avrei potuto; o, almeno, sarebbe stato pericoloso, perchè all’uscita della scuola mi avrebbe picchiato come altre volte. Non mi avrebbe perdonato per niente; e mi disse:

— Se tu fiati, ho in tasca il temperino arrotato.

Anche la sua voce era come quella di una zitella un poco incattivita; ed egli non smise di minacciarmi finchè non mi vide disposto a rispettarlo e ad accettare quel che avesse voluto.

Sapevo, perchè se ne vantava sempre, che con quel temperino aveva levato gli occhi a parecchi gatti; e, quando ne vedeva uno, se era con noi, ci dava a tenere i suoi libri e si metteva a camminare in punta di piedi per poterlo chiappare. Ma, ancora, non gli era riuscito a farci vedere come faceva. Era il più vizioso; sempre pallido e con le occhiaie gialle.

C’era un altro invece che, quando io mi accostavo per farlo smettere di provocarmi, si gettava in terra gridando e piangendo; e a casa inventava che io l’avevo picchiato.

Era un modo anche quello di costringermi a