Apri il menu principale
172 creature vili


Già, salendo le scale, stupivo di sentirmi non solo appagato, ma anche pieno di serietà. Mi ero seduto un poco in disparte; e, fumando una sigaretta, mi guardavo nello specchio ch’era nella parete dinanzi. Anche perchè non mi veniva niente da dire, e volevo comportarmi da persona pratica.

Tutte le ragazze mi avevano dato una occhiata; poi, avevano continuato a parlare come se non ci fossi.

La Francese disse, aggiustandosi una calza:

— Come hai gli orecchi piccoli, Lina! Sai che portano fortuna?

— Me lo dicono parecchi. Anche mia madre li aveva così.

— I più grossi sono i miei! — disse Eva ridendo.

— Io — disse Fanny — non ho niente che somigli nè a mio padre nè a mia madre.

Lina spianò sopra un ginocchio la tela del ricamo.

— È tanto tempo che non rivedo più mia madre. Prima le scrivevo; ma, da qualche anno, ho smesso.

— Io — disse Fanny — a casa mia stavo