Apri il menu principale
166 vita


legno io! Non lo sai che l’acqua fa imporrire?

Il ragazzo si alzò per andare via da tavola.

— Tu mettiti a sedere; se no, ti piglio a ceffoni. Devo chieder il permesso a te?

La donna aprì la madia e recò l’altro fiasco, tappato con una foglia di granturco ripiegata dentro. E, senza preoccuparsi delle conseguenze, gli disse:

— Bevilo! Ti faccia veleno!

Minello scosse la testa e si grattò mi ginocchio. Poi rispose, dopo un pezzo:

— Invece, farà veleno a te che non lo bevi!

— Io mi contento anche dell’acqua.

— E allora perchè metti bocca in quel che non ti riguarda? E modo di parlare cotesto? Ti dovrei insegnare io, a legnate. Ma, com’è vero Dio, te ne pentirai. Bada se una donna deve parlare così! A me!

Il ragazzo disse:

— Ha ragione la mamma!

Egli aveva ancora i nervi sconvolti, e impallidiva a ogni parola che diceva. Allora, la donna osò parlare; benchè capisse che ormai le cose andavano come il solito: