Apri il menu principale

Pagina:Tozzi - Giovani, Treves, 1920.djvu/141

134 una figliuola


lattia, che quando sarebbe morta, il padre, preso forse dall’ira, avrebbe picchiato con il bastone lei e la bara. Ormai la testa non le reggeva più e vagellava. Egli le guardava le tempie; come per capire che cosa c’era dentro; taceva un poco e poi rispondeva, storcendo la bocca e andandosene:

— Bisognerebbe che non ti dolessero. E perchè ti dolgono?

— Io non lo so, babbo!

Egli batteva i piedi in terra e gridava:

— A me non sono mai dolute.

Ella gli sorrideva, ed ogni giorno peggiorava.