Apri il menu principale

Pagina:Tartufari - Roveto ardente, Roma, Roux, 1905.djvu/83


necchiava, seduto al solito posto nel vano della finestra. Uno sciame di mosche gli ronzava con petu lanza intorno al viso, ed il vecchio, a quando a quando, scuoteva la testa a guisa di cavallo de crepito giacente presso la greppia, e le mosche allora si allontanavano turbinando per tornare su bito a svolazzare più ardite su quella povera car cassa umana, ridotta oramai a un mucchio d'ossa e di cartilagini, in cui la vita si manifestava con moti meccanici.

Sino a dieci mesi prima il conte Innocenzo fa ceva tutti tremare, tutto piegare sotto 1' impero della sua volontà e adesso egli stava a ludibrio di uno sciame d'insetti dispettosi, curvo, piegato in due, con le mani tremolanti abbandonate sulle coscie e con la faccia immota, sopra cui la stu pidità aveva allacciata l'opaca sua maschera.

Germano sentì la fosca tragicità dell'antitesi, e poiché era infelice e tormentato dal rimorso pei giornalieri convegni con Balbina, sconvolto dall'ansia per le recenti parole del dottore, provò istintivo e profondo il rispetto per quello spetta colo di rovina.

Si avvicinò al vecchio conte, lo sollevò quasi di peso e gli offerse il braccio per fargli muo vere qualche passo intorno alla stanza. Il conte Vianello fissò con occhio incerto il volto di Ger mano e rimase un attimo quasi a frugarsi nel pensiero, poi, forse scoraggito per la vana fatica, lasciò cadérsi la testa sul petto e cominciò a camminare, trascinandosi dietro una gamba dopo l'altra.

Ma, da quel giorno, verso l'ora del tramonto il vecchio scrutava con ansia la porta della sala e appena l'aitante figura del giovane appariva