Pagina:Tartufari - Roveto ardente, Roma, Roux, 1905.djvu/167


è un amico prezioso, che mi protegge in mille modi. Egli è un uomo serio, autorevole, rispettabile, e che non pensa menomamente a sposarmi, per la semplice ragione che ha moglie e due belle fi gliuole al suo paese.

Il volto di Flora diventò bianco, poi rosso, e la bocca ebbe una involontaria, spasmodica con trazione di dolore, di cui Adriana non volle ac corgersi.

— Evita dunque di parlare di cose che non sai. Guardati intorno, cerca di capire, e impara a dire solo ciò che può riuscire vantaggioso ad essere detto. Le parole inutili c'è sempre tempo a metterle fuori.

L'onorevole tornò in fretta, col viso raggiante e la bocca aperta, in tutta la sua larghezza, da un riso di soddisfazione invincibile.

Il sottosegretario di Stato gli aveva parlato confidenzialmente di un viaggio che il ministro dell'istruzione avrebbe fatto ben presto nella provincia dove i Montefalco possedevano i loro beni, e l'onorevole pregustava già il piacere di fare gli onori di casa a Sua Eccellenza. Oltre ciò, l'uomo politico, salutando il Montefalco e stringendogli la mano con benevolenza protet trice, aveva avuto un gesto discreto di ammira zione all'indirizzo di Adriana e un tacito, fine sorriso di approvazione per il buon gusto del l'amico; la qual cosa aveva solleticato in maniera assai gradita la vanità del Montefalco, il quale, prima di uscire dal negozio, volle a ogni costo regalare a Flora una scatola di canditi.

Presso il portone di via delle Fiamme l'ono revole rimaneva incerto; ma Adriana lo trasse d'impaccio pregandolo di salire un momento.