Pagina:Tartufari - Roveto ardente, Roma, Roux, 1905.djvu/153


Adriana infilò una lunga giacca scura, posò di sghimbescio sui capelli biondi un nero cappellone piumato, e poi rimase un momento esitante a riflettere in che modo potesse completare l'im provvisato abbigliamento di Flora.

Non era facile vestire quella bestiolina! Ella aveva l'aria di una bertuccia mal destra, che si lasci scivolar dai fianchi il guarnellino e che mandi di traverso il piccolo feltro infiocchet tato.

Comunque, Adriana scelse un cappello di vel luto rosso, a cui ella aveva definitivamente ri nunciato, essendosi convinta che il rosso le an dava male, e nascose le spalle della figliuola in una mantellina di pelliccia, scendente fin oltre la cintura.

Flora si guardò nello specchio e stentò a ri conoscersi. Dov'era dunque fuggita la graziosa giovanetta dai capelli svolazzanti, le vesti suc cinte, gli occhi azzurri e limpidi, simili a due